Se hai mai sentito parlare di agorafobia, saprai che è un terrore o un panico rimanere negli spazi aperti. Sicuramente abbiamo sentito mo...

Cosa fare se scopro che ho l'agorafobia

Se hai mai sentito parlare di agorafobia, saprai che è un terrore o un panico rimanere negli spazi aperti.



Sicuramente abbiamo sentito molte volte persone che si sentono nel panico di essere bloccati in un piccolo, con poco spazio Questo è un fattore che spaventa molte persone, ma dobbiamo anche sapere che ci sono altre persone che si sentono molto impaurite di esporsi agli spazi aperti, che possono essere molto impegnate o non mostrare alcun luogo apparente di rifugio. Questo è un disturbo ed è chiamato agorafobia.



Le persone che ne soffrono non possono condurre una vita normale, quindi ogni volta che lasciano uno spazio aperto sentiranno segni molto diversi di ansia che impediranno loro di svolgere le loro attività quotidiane.



In Bekia ti diciamo che cos'è l'agorafobia e quali tecniche puoi usare, con l'aiuto di un professionista, per vivere con questo disturbo, superarlo e condurre una vita normale.



Che cos'è l'agorafobia



L'agorafobia è uno dei disturbi d'ansia sofferto da persone che temono spazi aperti, alto traffico di persone e veicoli e le situazioni in cui si sentono avvicinati da un gran numero di oggetti che li circondano e che sfuggono al loro controllo.



la agorafobia es el temor a los espacios abiertos L'agorafobia è la paura degli spazi aperti



Le persone che soffrono di agorafobia possono soffrire molti sintomi se esposte alla loro più grande paura, vertigini, vomito, tachicardia, tremore alle gambe, battito cardiaco più veloce, visione offuscata e persino problemi di respirazione. Tutti questi sintomi coincidono con quelli di un attacco di panico e dovrebbero essere trattati in modo simile.



Se la persona soffre di questi dolori ogni volta che viene esposta a uno spazio aperto dovrebbe evitare di farlo se non ha l'aiuto di un professionista. Uno psicologo o uno psichiatra saranno le persone migliori per valutare il disturbo specifico di ciascuna persona e determinare di cosa si tratta. Se è determinato che soffre di agorafobia, gli fornirà una serie di linee guida e consigli per essere in grado di superare la sua paura progressivamente.



Cosa dovresti fare se scopri di avere l'agorafobia



La prima cosa che la persona che soffre di questi disturbi deve fare è essere consapevole che ciò che provano non è normale, ma ciò non rende una persona diversa o peggiore delle altre, semplicemente ha un diverso modo di sentire che è stato estrapolato e ha bisogno dell'aiuto di un professionista per tornare alla normalità.



Cioè, una volta che siamo consapevoli che l'estrema paura che proviamo negli spazi aperti e i sintomi che ci appaiono non sono normali, saremo pronti ad andare da un professionista della salute per darci le migliori tecniche e suggerimenti in modo che possiamo tornare a fare le nostre vite senza paure o preoccupazioni e arrivare a superare il disturbo.



Riconoscere che è il primo passo e andare dallo psicologo o psichiatra il secondo, ma non meno importante Dobbiamo dire loro cosa proviamo quando ci esponiamo ad uno spazio aperto. Non dovremmo vergognarci di dirvi tutti i dettagli dei dolori e dei pensieri che sentiamo e abbiamo nelle nostre menti. Questi professionisti della salute sono abituati a trattare questi tipi di disordini su base giornaliera e, solo dicendo loro la verità, saranno in grado di rilevare i disturbi che soffriamo, fornirci i consigli appropriati e risolverli il prima possibile.



reconocer que tienes agorafobia es el primer paso para encontrar una solución Riconoscere che avete agorafobia è il primo passo per trovare una soluzione



Una volta che lo psicologo ci ha detto se soffriamo agorafobia ci aiuterà a poco a poco, per creare nuove tecniche per affrontare questa paura progressivamente e raggiungere il loro miglioramento futuro. Forse pubblicheremo ogni giorno un po 'più di spazio aperto e scrivere come ci sentiamo. Progressivamente noteremo che la paura è ridotta , poiché esponendoci un po 'ogni giorno avremo notato la paura, ma saremo sempre più consapevoli che molte delle cose che ci hanno spaventato erano solo nella nostra mente. Pertanto, fuggire dal luogo non ci aiuterà a superare la paura, ma costringerci anche noi il primo giorno non sarà la soluzione migliore.



Per superare l'agorafobia le tecniche utilizzate dai professionisti sono di solito shock, ma con un tempo limitato e limitato, poiché uno shock molto forte potrebbe indurre la persona a richiudersi in gruppo, nelle proprie paure, e non volevo affrontarli di nuovo.



Mentre uno è esposto alla situazione che dà paura, devi essere consapevole che nella loro mente si stanno moltiplicando e estrapolando situazioni che non sono reali o che non devono accadere. La persona che soffre di questo disturbo deve tenere a mente che il suo stato mentale avrà molto a che fare con il suo recupero, quindi deve affrontare la paura e farsi credere che queste situazioni improbabili che vengono a lui la mente non deve accadere.



Con il tempo capirai che avevi ragione e puoi, a poco a poco, uscire più tempo per aprire gli spazi. Questo è un processo lungo, ma non deve essere faticoso. Semplicemente, i malati dovranno affrontarlo con ottimismo, pazienza e seguire sempre il consiglio del professionista. Potrebbero volerci mesi o anni, ma una volta finita l'agorafobia, ti renderai conto che lo sforzo è valso davvero la pena.